Tratta e sfruttamento

Responsabile dell'Area: Serena Mordini s.mordini@coopcat.it

 

 

Il 1995 è l'anno in cui C.A.T. si attiva nell'ambito degli interventi rivolti alla popolazione prostituta; in primis, nasce a Firenze il progetto C.I.P. (Collegamento Interventi Prostituzione e Tratta), una rete di servizi rivolti alla persona, con l’intento di creare percorsi di supporto e di uscita dal disagio da questa condizione. La scelta della rete fu ed è tuttora strategica per “agire una proposta articolata sia nell’ offerta che nella presenza e trova la sua forza nella diversità e nella molteplicità delle forze in campo”.

L’intervento di strada di C.A.T. viene ideato a partire dall'analisi dei bisogni del target, con una struttura metodologica nata dalla riduzione del danno, la prevenzione della salute, la relazione con soggetti stranieri in condizioni di coercizione e sfruttamento, la mediazione linguistica - culturale.

In seguito, sono altre le unità di strada attivate verso il fenomeno della prostituzione:

Arezzo - Progetto "Un'altra strada" con la titolarità della Provincia; Montecatini - “Progetto Con-trat-To con il coordinamento della Provincia di Pistoia.

La prostituzione rappresenta solo uno dei molteplici aspetti che caratterizzano le diverse forme di sfruttamento di esseri umani, tra le quali troviamo lo sfruttamento lavorativo (edilizia, agricoltura, ristorazione, lavoro domestico e assistenziale), l' accattonaggio forzato e le attività illegali (furto e spaccio conto terzi, matrimoni combinati e forzati).

 

Negli anni, C.A.T. ha diversificato i suoi interventi rivolti alle persone vittime di tratta e grave sfruttamento:

  • gestione dal 2000 di una Postazione locale del Numero Verde anti-tratta 800 290290;

  • gestione del Numero Verde antitratta Regione Toscana 800 186086;

  • socio fondatore di Associazione TRAME Toscana Onlus (associazione di enti attivi nell'ambito della prostituzione e della tratta di esseri umani);

  • Osservatorio Nazionale sulla tratta, 2006 (Progetto Equal), partecipazioni alle ricerche sul territorio nazionale

  • Progetto Nuove Orme (avvisi di finanziamento per i programmi di protezione sociale previsti dall'art.13 della 228/03, DPO, Regione Toscana, EELL) – C.A.T. in qualità di coordinatore per conto di ass.ne TRAME e ente attuatore all'interno del gruppo no profit

  • Progetto Con-trat-To (contro la tratta in Toscana), ente attuatore e gestore d'interventi a sostegno delle vittime di tratta; ente presente nella Segreteria Tecnica Regionale per coadiuvare le attività di governance e di coordinamento del sistema regionale;

  • Inoltre, in questo ultimo decennio sono state effettuate Ricerche Intervento in questo ambito su temi specifici quali, la “mediazione sociale e del conflitto” (Comune di Firenze, Quartieri 2/5); “Minori e prostituzione” (Comune di Firenze); “il fenomeno della prostituzione cinese territorio fiorentino” (Regione Toscana); il “Lo sfruttamento lavorativo nel territorio fiorentino”.

Numero Verde AntiTratta 800186086 Regione Toscana - Progetto Con-trat-TO (contro la tratta in Toscana)

 

 

Data d'attivazione/apertura del servizio/ progetto: dicembre 2011

Luogo di intervento del progetto/servizio: Intero territorio della regione Toscana


Descrizione del progetto:

1° livello - “centralino”: reperibilità h24 per rispondere ad utenti, cittadini, operatori socio sanitari, FF.OO, etc.. Attività di counselling, informazioni e orientamento sui servizi socio sanitari attivi sul territorio regionale, info sulle norme immigrazione e sulle norme relative ai percorsi di emersione e accoglienza vittime di tratta e di sfruttamento (ex art.18/DLgs 286/98, L.228/03)

2° livello - “dispositivo organizzativo regionale”: Attivazione presa in carico ed accoglienza in emergenza c/o strutture regionali; fornitura mediazione linguistica e culturale (traduzioni, colloqui telefonici, invio mediatori in loco), fornitura consulenza legale (quesiti online, colloqui telefonici e su appuntamento,monitoraggio disponibilità posti letto in strutture di accoglienza regionali; ricerca-intervento ed analisi sull'evoluzione dei fenomeni relativi allo sfruttamento di esseri umani.

Target/utenza: 1° livello: vittime di: sfruttamento lavorativo (edilizia, agricoltura, ristorazione, lavoro domestico e assistenziale); prostituzione di strada e/o al chiuso; accattonaggio e attività illegali forzate (matrimoni forzati, spaccio e furto conto terzi, etc.)

2° livello: cittadini, operatori del Sistema Con-trat-TO, operatori socio sanitari, FF.OO, operatori sindacati.


Partner/ rete del progetto/ servizio:

Ente titolare - Regione Toscana; Ente Coordinatore – Comune di Firenze


Committenza:

Dip. Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Toscana - Area di coordinamento Inclusione Sociale, Cofinanziamenti locali da Comuni, Province, Società della Salute.

Info: numeroverdetoscana@gmail.com



Progetto Con-trat-TO (contro la tratta in Toscana) – Segreteria Tecnica

 

Data d'attivazione/apertura del servizio/ progetto: dicembre 2011


Luogo di intervento del progetto/servizio: Intero territorio della regione Toscana


Descrizione del progetto-servizio:

Il sistema regionale offre programmi di emersione, assistenza, protezione sociale e inclusione socio lavorativa a persone ridotte in schiavitù e vittime di tratta negli ambiti della prostituzione, del lavoro, dell’accattonaggio. Soggetti pubblici e del privato sociale contribuiscono, collaborando costantemente, all'analisi globale delle evoluzioni dei fenomeni di grave sfruttamento, tratta, riduzione in schiavitù, nei loro vari aspetti, allo scambio e al confronto delle azioni messe in atto, all’innovazione di modelli e di strumenti d'intervento, al miglioramento dei sistemi e strumenti di analisi e raccolta dati, anche nell’ottica della configurazione di un Sistema di Referral Nazionale.

Target/utenza:

vittime di sfruttamento lavorativo (edilizia, agricoltura, ristorazione, lavoro domestico e assistenziale); prostituzione di strada e/o al chiuso; accattonaggio e attività illegali forzate (matrimoni forzati, spaccio e furto conto terzi, etc.)



Partner/ rete del progetto/ servizio:

Ente Promotore - Regione Toscana; Enti Attuatori Pubblici e Enti Attuatori Privati: Provincia di AR, Comune di FI, SdS Fiorentina Nord Ovest, SdS di Empoli, Comune di Calenzano, Provincia di Livorno, Comune di Livorno, Fondazione Caritas Livorno, Comune di Collesalvetti, Comune di Rio nell'Elba, Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Asl di Lucca, SdS COeSO Grosseto, Provincia di Pisa, SdS Zona Pisana, SdS Valdera, SdS Valdarno Inferiore, Provincia di PT, Comune di Montecatini, SdS Pistoiese, SdS Valdinievole, Provincia di Prato, Comune di Prato, Provincia di SI, Comune di Monteroni d'Arbia, Associazione Pronto Donna, Associazione DOG, Associazione Progetto Arcobaleno Onlus, CAT Cooperativa Sociale Onlus, Associazione Randi, Ceis Gruppo Giovani e Comunità di Lucca, Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Associazione DIM, Il Progetto Società Cooperativa Sociale Onlus, Il Cerchio Cooperativa Sociale, Onlus, Associazione Zoè Onlus, Diocesi di Pistoia


Committenza: Dip. Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Toscana - Area di coordinamento Inclusione Sociale, Cofinanziamenti locali da Comuni, Province, Società della Salute.



Unità di Strada “Streetlights”, CIP (collegamento interventi prostituzione e tratta) – Progetto Con-trat-To (contro la tratta in Toscana)

 

Anno di attivazione del progetto: 1995

Luogo di intervento del progetto: Provincia di Firenze

Descrizione del progetto:

unità mobile mirata a creare una relazione di fiducia con le persone che si prostituiscono e che sono vittime di sfruttamento a scopo sessuale, al fine di orientarle alla tutela della propria salute e garantire in tal modo anche quella pubblica; orientare e accompagnare le persone verso i servizi socio-sanitari e amministrativi, dando loro informazioni corrette su legge immigrazione e sulle opportunità di affrancamento dai circuiti di sfruttamento anche attraverso l'accesso al sistema Integrato regionale e nazionale di servizi a sostegno delle vittime di tratta e di sfruttamento.

Target/utenza:

persone dedite ad attività di prostituzione/prostituzione coatta a scopo di sfruttamento sessuale

Partner/ rete del progetto:

Comune di Firenze; Ass.ne Progetto Arcobaleno

Committenza:

Comune di Firenze; Dip. Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Toscana - Area di coordinamento Inclusione Sociale, Cofinanziamenti locali da Comuni, Province, Società della Salute.



Unità di Strada “Streetlights”, Comune di Montecatini – Progetto Con-trat-To (contro la tratta in Toscana)

 

Anno di attivazione del progetto: 2013

Luogo di intervento del progetto:

Comune di Montecatini – Provincia di Pistoia

Descrizione del progetto: unità mobile mirata a creare una relazione di fiducia con le persone che si prostituiscono e che sono vittime di sfruttamento a scopo sessuale, al fine di orientarle alla tutela della propria salute e garantire in tal modo anche quella pubblica; orientare e accompagnare le persone verso i servizi socio-sanitari e amministrativi, dando loro informazioni corrette su legge immigrazione e sulle opportunità di affrancamento dai circuiti di sfruttamento anche attraverso l'accesso al sistema Integrato regionale e nazionale di servizi a sostegno delle vittime di tratta e di sfruttamento.

Target/utenza: persone dedite ad attività di prostituzione/prostituzione coatta a scopo di sfruttamento sessuale

Partner/ rete del progetto:

Con-trat-To, sistema Integrato regionale a sostegno delle vittime di tratta e di sfruttamento.

Committenza: Provincia di Pistoia, Comune di Montecatini, SDS Valdinievole, Dip. Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Toscana - Area di coordinamento Inclusione Sociale, Cofinanziamenti locali da Comuni, Province, Società della Salute.