Un aiuto per i rifugiati di via Slataper

Il progetto Scalea di CAT coop ONLUS è attivo da giugno 2013 presso l'occupazione di rifugiati e di richiedenti asilo di via Slataper. Il progetto, finanziato dalla regione Toscana, ha lo scopo di trovare -anche con il supporto di enti pubblici e di realtà del privato sociale- soluzioni abitative alternative agli abitanti, in quanto la struttura deve essere evacuata entro giugno 2014. In questi mesi, parallelamente alla ricerca di soluzioni abitative, gli operatori del progetto hanno avviato varie azioni per supportare i rifugiati nelle pratiche amministrative, nella ricerca del lavoro e nella formazione. Grazie anche all'aiuto di associazioni come MEDU e di volontari, il progetto Scalea sta cercando di garantire il diritto alla salute, così come sono stati attivati corsi di alfabetizzazione.

 

Nonostante gli sforzi e la volontà di cercare soluzioni all'altezza dei numerosi problemi posti dalle precarie condizioni di vita nella struttura, gli operatori del progetto si trovano ora confrontati a questioni di complessa gestione. Infatti, il sovraffollamento della struttura e le difficili condizioni igieniche, hanno obbligato a un'operazione di sanificazione e di disinfestazione della struttura, al fine di ripristinare condizioni di vita dignitose per gli abitanti. Queste azioni di messa in sicurezza igienico-sanitarie sono realizzate da Quadrifoglio e ASL, con l'ausilio degli operatori e si concluderanno intorno al 20 dicembre.

Purtroppo, per evitare rischi futuri d'infezione, molti oggetti personali, fra cui materassi, coperte, frigoriferi, valigie, fornelli elettrici sono stati gettati. In questi giorni stiamo perciò raccogliendo questo materiale, al fine di consegnarlo agli abitanti ai quali sono stati buttati.

In particolare, siamo alla ricerca di:

lenzuola, coperte, frigoriferi, valigie, materassi singoli, fornelli e cucine elettriche.

 

Chiunque fosse disponibile a portarci questo materiale direttamente in via Slataper o vuole farlo ritirare, può comunicarlo a Sabrina Emilio al 331 1774856 e 3388789925.

 

Vi ringraziamo per l'aiuto.

 

Gli operatori del progetto Scalea e gli abitanti della struttura di via Slataper

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Mauro (martedì, 27 gennaio 2015 17:30)

    Slave, volevo sapere se avete un report di progetto sull'attività svolta presso via Slataper, sarei molto curioso di poterlo leggere.
    Saluti
    Mauro