C.a.t. cooperativa sociale dal 1985 è dalla parte dei diritti di cittadinanza, dell’inclusione sociale e del sostegno alle fasce deboli della popolazione, e dell’innovazione.

Nel campo delle dipendenze, dell’immigrazione, della cultura, della scuola, delle politiche giovanili i nostri progetti e i nostri servizi provano ad affermare e a far vivere, ogni giorno, i valori e le pratiche della cooperazione, della solidarietà e dell’interesse pubblico.


News

I 30 anni del Cannocchiale

Il Cannocchiale, operativo dal 1986, è un programma terapeutico riabilitativo per persone dipendenti da sostanze legali e illegali gestito dal Servizio Tossicodipendenze Firenze Nord-Ovest della Azienda Sanitaria di Firenze in collaborazione con la Cooperativa Sociale C.A.T.  

Le persone inserite nel programma continuano a vivere con le proprie famiglie e sono impegnate per diverse ore al giorno in attività riabilitative.

Il Programma si articola in 4 aree di intervento: la frequenza del centro diurno, l’inserimento in un progetto educativo di lavoro attraverso una convenzione con aziende presenti nella zona di residenza dell’utente, il supporto alla famiglia, la psicoterapia individuale. 

Il Centro ospita utenti tossicodipendenti in fase di riabilitazione. La frequenza iniziale è mattutina, per un periodo di preparazione al programma pomeridiano e serale.

E' costante la presenza di due operatori insieme agli utenti. Le attività riguardano principalmente la conduzione del centro, la produzione video fotografica, la fruizione e il commento di opere d’arte, attività motorie e sportive.

 

0 Commenti

Rom e lavoro, un seminario a Firenze

Durante il seminario verranno raccontati esempi di esperienze lavorative sul territorio fiorentino che hanno riguardato a vario titolo gli/le abitanti dei due villaggi rom del Poderaccio. In particolare, sarà presentata la ricerca “Servizi e Poderaccio” svolta da Sara Bacherini e Giulia Coccoloni sulle relazioni intercorse tra i principali servizi sociosanitari territoriali e gli/le abitanti del Poderaccio; verrà raccontata la loro esperienza diretta come operatrici nel servizio che da anni si occupa dei villaggi rom. Presenteranno infine un progetto europeo sulla partecipazione attiva dei/delle giovani rom che ha visto coinvolti un gruppo di ragazzi/e residenti al Poderaccio.

0 Commenti

Con NINJAZ a dicembre torna la Street art nei centri giovani fiorentini

C.A.T. è ormai impegnata da anni nella diffusione della street art fra i giovani, cercando di intercettare le potenzialità creative che i ragazzi comunicano. Da una semplice tag, spesso associata al vandalismo è possibile però arrivare a una vera e propria espressione artistica che possa fungere da occasione di partecipazione e riqualificazione dei nostri quartieri.

NINJAZ è un artista poliedrico che collaborerà con gli operatori di C.a.t. presenti nei Centri Giovani del Q1 e del Q2 di Firenze a partire dai prossimi giorni, il corso è gratuito riservato a ragazzi e ragazze che abbiano voglia di mettersi in gioco...passate parola.

0 Commenti

Vuoi provare lo skate ?

Arriva lo   skate a Calenzano per chi non si è mai cimentato una rampa.

Se non hai uno skate lo forniamo noi! Dove? Residenza Don M. Brogi, via M. Martini 92 - Zona Dietro Poggio / Calenzano -  Sabato 19 novembre dalle ore 14,30.... Vi aspettiamo.

0 Commenti

Giornata europea contro la tratta e lo sfruttamento

In occasione della Decima Giornata Europea Contro la Tratta di Esseri Umani,  prevista per martedì 18 ottobre 2016, Comune di Firenze, C.A.T. Cooperativa Sociale ONLUS e Associazione Progetto Arcobaleno Onlus aderiscono alla campagna #LIBERAILTUOSOGNO.


L'iniziativa, promossa dal Numero Verde Nazionale Anti Tratta, consiste nel lancio simultaneo di palloncini in luoghi simbolici delle città che adersicono all’evento nello stesso orario, utilizzando lo slogan #LIBERAILTUOSOGNO. Con questo semplice gesto vorremmo richiamare l'attenzione della popolazione sulla questione della tratta di esseri umani, ma più in generale sulle necessità che tutti contribuiscano al contrasto dello sfruttamento e a "liberare" il sogno di tante donne, uomini e bambini che si trovano in simili condizioni.

 

Per l’occasione ci troveremo a Novoli, nei pressi del Polo Universitario, viale Guidoni ang. Via Forlanini per il lancio simbolico di palloncini che avverrà alle ore 12.

 

Comune di Firenze, C.A.T. Cooperativa Sociale ONLUS e Associazione Progetto Arcobaleno ONLUS sono impegnati da anni con i loro progetti e i loro servizi negli interventi a sostegno delle vittime di tratta.

Il progetto C.I.P. (Collegamento Interventi Prostituzione e Tratta) di Firenze nasce nel 1995 come tentativo di risposta e di alternativa ai problemi e alle domande che la prostituzione e la tratta di esseri umani pongono alla società civile e alle istituzioni politiche e giudiziarie sul territorio fiorentino; l’ambito di intervento è circoscritto a chi non è nella situazione di poter agire efficacemente per la tutela della propria salute, del proprio benessere e della libertà personale. Il target privilegiato è formato da persone dedite ad attività di prostituzione e persone straniere vittime del traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento (sessuale, lavorativo, accattonaggio, ecc.), cioè individui a cui viene negato il diritto alla libertà e all’autodeterminazione.

Il progetto C.I.P. offre azioni integrate volte alla prevenzione, al sostegno, alla protezione sociale ed al reinserimento. Tale Progetto è, fin dalla sua nascita, portato avanti dal Comune di Firenze, dall’Associazione Progetto Arcobaleno Onlus e da CAT Cooperativa Sociale Onlus e fa parte del più ampio Progetto Regionale SATIS.

 

“La tratta di esseri umani costituisce una violazione dei diritti umani e un’offesa alla dignità e all’integrità dell’essere umano.”

 

L'iniziativa è organizzata da CAT Cooperativa Sociale ONLUS, Associazione Progetto Arcobaleno ONLUS, con il patrocinio del Comune di Firenze.

 

Per maggiori informazioni: Lisa Bertini, l.bertini@coopcat.it, tel 3357428936

 

www.progettoarcobaleno.it

 

www.osservatoriointerventitratta.it

0 Commenti

Nightlife and the city, un video che racconta la tematiche della due giorni

Si è da poco conclusa la due giorni di dibattiti, incontri e workshop per discutere sulle pratiche e le strategie di convivenza urbana, messe in piedi a livello Europeo attorno al problema della movida notturna, dell’uso degli spazi pubblici, e di tutti gli aspetti e i problemi connessi.

Ripercorriamo i momenti salienti con questo video realizzato dalla redazione di Firenze Fuori.

0 Commenti

Convegno "Le povertà invisibili"

 

Il prossimo 30 settembre 2016 dalle  9:00 alle  17:00 con il patrocinio del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Regione Toscana e Comune di Firenze si svolgerà il convegno "Le Povertà invisibili" presso NEW STAZ Via Attavante 5 Firenze.

 

Finalità dell'incontro

 

E’ dal 2001 che ogni anno, a Bruxelles, si svolge un Incontro europeo delle persone in povertà, l’unica occasione a livello europeo in cui le persone in povertà e quanti lavorano sul territorio per sconfiggerla hanno la possibilità di interloquire direttamente con i rappresentanti delle istituzioni europee, tra cui la Commissione, il Parlamento, il Comitato Economico e Sociale, la Direzione Generale per l’Occupazione, gli Affari Sociali e le Pari Opportunità, e con i rappresentanti dei governi nazionali.

EAPN è la rete europea incaricata di facilitare questi Incontri attraverso le sue reti nazionali che, presenti in ciascun stato dell’Unione europea (più Islanda, Norvegia e Serbia), si occupano di “preparare” a livello nazionale le delegazioni che parteciperanno all’Incontro. Il CILAP EAPN Italia, rete nazionale di EAPN, attraverso il suo gruppo di lavoro “Partecipazione delle persone in povertà” lavora stabilmente su questo fronte animando diversi momenti di discussione e scambio tra tutte le parti in causa al fine di formare per gli Incontri europei una delegazione che sia in grado di rappresentare gli interessi e le richieste della più vasta platea possibile.

In base a quanto riportato dalle associate CILAP, impegnate a ridurre lo sfruttamento di migranti e italiani che lavorano in condizioni inaccettabili nelle nostre campagne ma non solo, il CILAP EAPN Italia ha deciso di utilizzare il prossimo incontro europeo per aprire una discussione sui temi oggetto dell’incontro di Firenze, riportando quanto di positivo sta avvenendo (Protocollo sottoscritto dal Ministero del Lavoro e le attività di molte Regioni e Comuni per sconfiggere questo fenomeno), quanto ancora rimane da fare, cosa potrebbe fare l’UE, quale l’impegno del terzo Settore.

Come con i tanti incontri precedenti, anche questa volta ci proponiamo di:

- Dare voce, ascoltare e apprendere da chi raramente viene ascoltato: persone in povertà e socialmente escluse ma anche operatori, tecnici, educatori e tutti coloro che quotidianamente si impegnano contro la povertà e

per assicurare un futuro sostenibile nel proprio territorio - Costruire percorsi di crescita e ascolto tra tutti questi soggetti e i decisori politici - Interrogarsi, tutti assieme, su come sconfiggere la povertà e l’esclusione sociale partendo anche dalla lotta contro il lavoro sommerso e le nuove forme di caporalato, fenomeno purtroppo antichissimo nel nostro paese - Diffondere lo scambio di esperienze e buone pratiche per la riproposizione delle stesse in contesti differenti.

I risultati di questo seminario, uniti a quelli degli altri incontri che si stanno svolgendo sul territorio nazionale, saranno sistematizzati in un unico documento che sarà alla base di quanto la delegazione italiana all’Incontro europeo riporterà in quella sede.

 

Il Forum Theatre

Il Forum Theatre si basa sull'esplicitazione di conflitti interpersonali e sociali, cercando soluzioni al conflitto; è il gruppo stesso che le ricerca e le mette in pratica, seppure in uno scenario teatrale; qui l'ipotesi è che la "recita" di una soluzione può stimolare ad agire anche nella vita quotidiana. Il conflitto viene così valorizzato perché permette all'oppresso di liberarsi dall'oppressione.

 

Partecipanti

 I partecipanti sono le persone che vivono o hanno vissuto una situazione di povertà e di emarginazione, seguiti dalle associazioni e cooperative aderenti al Cilap. La partecipazione è aperta anche alla cittadinanza e ai soggetti interessati, educatori, ricercatori, operatori del terzo settore, agenzie educative, operatori dei servizi, cooperative sociali, associazioni di volontariato, centri ricerca che hanno esperienza diretta di lavoro con le persone in povertà.

 

Il CILAP EAPN Italia è la sezione italiana di European Anti-Poverty Network (EAPN). Fondato nel 1992, ha per finalità la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale attraverso interventi sul territorio, studi, ricerche, formazione, la partecipazione e la presa di parola delle persone in povertà.

La cooperativa sociale CAT di Firenze, aderente al Cilap Eapn Italia, costituitasi nel 1985, opera in Toscana promuovendo una cultura del lavoro sociale all’interno della quale la funzione operativa e professionale diventa anche partecipazione alle questioni di “etica pubblica" ascoltando le richieste di legalità, di giustizia e di cittadinanza attiva che provengono da fasce deboli e marginali, o da chi rappresenta una risorsa spesso non adeguatamente valorizzata. La cooperativa sociale CAT si occupa dell'organizzazione tecnica dell'evento.

Si ringraziano per la collaborazione le associazioni toscane aderenti al Cilap Eapn Italia, l'Associazione N.E.T. Padova e l'Associzione Solidarietà Caritas Onlus

 

Per informazioni ed Iscrizioni:

 

E' possibile effettuare le iscrizioni direttamente riempiendo online la scheda QUI

oppure compilando la scheda di adesione facendola pervenire a:

CILAP EAPN ITALIA – info@cilap.eu

Sabrina Manuela Emilio - s.emilio@coopcat.it

fax 0039 055 4369384 cell. 331 1774856

 

Su richiesta sarà rilasciato un'attestato di partecipazione.

 

Download
Scheda di iscrizione
scheda di iscrizione le povertà invisib
Documento Microsoft Word 94.5 KB
leggi di più 0 Commenti

Nightlife and the city: "Movida, strategie e pratiche europee di convivenza urbana” 22 e 23 Settembre, Firenze

Vi invitiamo a partecipare al convegno internazionale "Nightlife and the city: Movida, strategie e pratiche europee di convivenza urbana”, che si terrà il 22-23 Settembre 2016, a Firenze, presso la Biblioteca delle Oblate, via dell' Oriuolo 26, Firenze.

Il progetto Notte di Qualità, nel terzo anno di attività, propone due giornate di studio per presentare il risultato del lavoro sperimentale svolto in Regione Toscana sulla gestione delle dinamiche del divertimento che coinvolgono le realtà urbane. Due giornate di lavoro attivo durante le quali professionisti del sociale che lavorano sulle diverse scene italiane del divertimento (Milano, Torino, Roma, ecc.) e professionisti di Enti pubblici o privati responsabili delle politiche di alcune città europee (Barcellona, Parigi, Berlino) potranno illustrare soluzioni avanzate in materia di gestione degli scenari notturni a livello europeo.

Durante la prima giornata (22 settembre), aperta dal Sindaco di Firenze Dario Nardella, verranno illustrate le esperienze delle città europee invitate, dei Comuni toscani che hanno partecipato al progetto Notte di Qualità, i risultati della Ricerca realizzata in collaborazione ad ARS Toscana sui comportamenti dei fruitori della movida in diverse città toscane e si concluderà con una tavola rotonda coordinata da Barbara Trambusti (Dirigente Settore Politiche per l’integrazione socio sanitaria Regione Toscana), con l' intervento di Stefania Saccardi (Assessore al Diritto alla Salute, Welfare e integrazione socio-sanitaria Regione Toscana).

La seconda giornata (23 settembre) si articola in due workshop: il primo, City and Club. Entrepreneurship and nightlife  Club e Città. Imprenditoria e Divertimento, rivolto al mondo dell’imprenditoria notturna, metterà in luce l'esperienze di Berlino facendola dialogare con la scena italiana; il secondo, Le città che si trasformano. Ambiti potenziali di intervento nell’area del divertimento dedicato al tema delle politiche di intervento sociale e alle buone prassi nella gestione delle criticità legate alla salute pubblica metterà in evidenza gli interventi attivati nelle aree urbane italiane.

La giornata si concluderà, dopo un Aperitivo offerto dal Centro Java Infoshop, con un Evento Buone Prassi in piazza Santo Spirito, a cura dello staff del progetto Notte di Qualità.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione da effettuare esclusivamente on line a questo indirizzo, fino al raggiungimento dei posti disponibili per la capienza della sala.

 

Sarà disponibile un servizio di traduzione simultanea italiano-inglese.

Download
Scarica il programma completo
programma.pdf
Documento Adobe Acrobat 856.9 KB
leggi di più 0 Commenti